Responsabilità professionale dell’avvocato

Titolo: Responsabilità professionale dell'avvocato (2 corsi)

Modello didattico: casi giuridici presentati a step

Scadenza:

  • Corso 1: 23-02-20
  • Corso 2: 15-02-20

Crediti: 1 credito/ corso

Costo:  25 € /corso

Responsabilità professionale: una definizione

Si può definire in generale come responsabilità professionale l’insieme delle conseguenze che si ripercuotono sull’avvocato a seguito della violazione di particolari doveri, distinguendosi poi in responsabilità civile, penale o disciplinare in relazione alle specifiche disposizioni violate. E’ importante precisare che lo stesso comportamento scorretto dell’avvocato può essere valutato sotto differenti profili, dando vita a una responsabilità civile, penale o disciplinare, a seconda delle norme in base alle quali lo si giudichi.

La responsabilità civile

L’articolo 14 c. 2 della legge di riforma professionale forense (l.r.f.) precisa che l’incarico conferito all’avvocato per lo svolgimento dell’attività professionale è sempre personale, anche nell’ipotesi in cui il difensore faccia parte di un’associazione o di una società professionale.
Secondo la disposizione appena citata, tramite l’accettazione dell’incarico, il professionista ne assume la responsabilità penale illimitata, solidalmente con l’associazione o la società, qualora ne faccia parte. L’assunzione dell’incarico da parte dell’avvocato, pertanto, può essere fonte di responsabilità civile, sotto forma di responsabilità sia contrattuale sia extracontrattuale.

La responsabilità penale

Nell’esercizio dell’attività professionale l’avvocato può incorrere in varie ipotesi di responsabilità penale. La commissione di un reato nell’esercizio della professione, inoltre, può configurare un’aggravante, quando ciò avvenga con abuso di prestazione d’opera ai sensi dell’articolo 61 n. 11 c.p.
La qualifica di avvocato, d’altra parte, può essere rilevante ai fini dell’integrazione di talune fattispecie di reati propri, tra cui si citano il patrocinio o consulenza infedele (art. 380 c.p.); le altre infedeltà del patrocinatore o del consulente tecnico (art. 381 c.p.); il millantato credito del patrocinatore (art. 382 c.p.); la falsità ideologica in certificati commessa da persone esercenti un servizio di pubblica necessità (art. 481 c.p.) e la rivelazione di segreto professionale (art. 622 c.p.).

I contenuti del corso

Il corso, accreditato dal CNF,  analizza il tema della responsabilità professionale dell'avvocato, prendendo in esame:

  • Il rapporto tra cliente e professionista;
  • L’assicurazione per la responsabilità civile e contro gli infortuni;
  • Il comportamento infedele;
  • Il millantato credito;
  • Il favoreggiamento personale;
  • L’oltraggio a magistrato in udienza;
  • L’abusivo esercizio della professione;
  • I doveri di lealtà e probità;
  • La lite temeraria;
  • La responsabilità disciplinare;
  • Responsabilità penale e procedimento disciplinare;
  • Responsabilità civile e procedimento disciplinare.

Resta aggiornato
Vuoi ricevere informazioni su nuovi corsi e offerte?

Posted in Corsi, Materie obbligatorie.